Le opinioni espresse dai tesserati sono libere e non soggette a censura,
nel rispetto delle Norme dettate dallo Statuto che qualificano la FIGB
come apartitica, apolitica e aconfessionale.
Il Comitato Regionale non si assume qualsivoglia responsabilità per quanto espresso dai tesserati,
limitandosi a mettere a disposizione lo spazio web e i mezzi tecnici di pubblicazione.

 

Una la strappo, una la “rubbo”, una me la regalano sull'attacco.

Di Angelo Saccaro consigliere del Comitato Regionale E.R.

Bologna giovedì 26 giugno 2014, simultaneo gran prix a Quarto nella bella sede  dell'associazione bridge Bologna. Gioco con un mio compagno abituale noto nell'ambiente per la sua predilezione a giocare il contratto di 3 senza, forte del convincimento riportato nel titolo. E noto inoltre per la sua affermazione per cui contro il contratto di 3 senza, bisogna sempre attaccare a quadri “ho scritto un libbro  che è fondamentale
Terzo postulato del suo bridge è: “con 8 carte senza la dama, si batte, con 9 si fa l'impasse”
Nonostante ciò è un buon giocatore se non altro per aver giocato per molti anni in coppia con Cesare Bresciani sino ala sua fine. Ultimamente  è “fastidioso” perché trova sempre il modo e  la maniera di accusarmi di incredibili nefandezze  bridgistiche. Meno male che  passiamo le vacanze a 500 km. di distanza E così possiamo sedimentare un po' le nostre idee.
Forse c'è un problema di fondo: lui mi accusa di essere irregolare, imprevedibile. Dice di non  sapere mai con esattezza che carte ho in mano. Di contro io contesto il fatto che lui non apprezza la mia fantasia e presenza al tavolo (per questo forse odio giocare in BBO.). Queste nostre  posizioni sono radicalizzate e difficilmente possono essere compatibili.
Però ogni tanto “prendiamo”

Torniamo al simultaneo. Causa l'inconsueto scarso numero di partecipanti siamo costretti a giocare tre mani per turno per sette turni Dopo sei turni siamo messi bene (secondi con il 62%) quando dobbiamo incontrare la coppia De Filippis – Missiroli. Nicola è mio amico da lungo tempo, da quando frequentavamo l'ippodromo ed i nostri cavallucci si sfidavano in pista. Ci accomunava la passione per le scommesse che per Nicola erano diventate un'ossessione: quando vinceva (ogni tanto bisognava pur vincere) doveva farlo sapere a tutto il mondo per suscitare invidia e rabbia. Ogni vota che ci incontriamo al tavolo da gioco, volano gli stracci.
Il fatto è che il più delle volte quando si siede al tavolo  con la sua aria da bricconcello, mi mette a mio agio con la sua “sfigatrice” battuta: “buon gioco”

Alla prima mano, un modesto parziale, il nostro contro gioco non è perfetto ed io regalo una levè per un ritorno perdente Che  nun l'hai visto che sulla battuta di atout ho messo la dama? E allora? Allora volevo quadri (???)
Seconda mano: De Filippis chiama un sei imbattibile che si realizza soltanto  per una distribuzione “fantastica” delle carte. Nicola si gonfia come un tacchino, il mio sembra voler dire: “visto! Dici di essere sfortunato ma quando si gioca male infierisce anche la sfortuna” Sono incazzato nero quando raccolgo per l'ultima mano, tutti in zona, 8 cuori di asso. Re e dama, due fiori due quadri scartinate  e l'asso secco di picche. Dopo il passo del mio compagno e dell'avversario di destra (Nicola) apro di 4 cuori (e chi non avrebbe fatto lo stesso). Viene il contro della Missiroli  e sul passo del  mio, 4 picche di Nicola.
Prima ancora di aver visto il mio 5 cuori il mio comincia ad agitarsi,  a sbuffare ad essere al limite del collasso. Dopo due passo, De Filippis molla un contro che fa un buco nel tavolo. Io passo ma prima ancora di giocare sono aggredito dal  mio mentre il “gonfiore” di De Filippis sembra li li per farlo scoppiare. Nicola ha asso di quadri e A e K di fiori. Dopo aver incassato i due assi per vedermi cuocere a fuoco lento, rimanda la presa del down. Male o meglio benissimo per me che posso, effettuando il sorpasso alla Q di quadri,  scartare la fiori perdente  e realizzare il contratto che mi frutta 850 punti e top anche in Cina. Essendomi “scaldato” vuoto il sacco e dico quello che penso a Nicola ed al mio (che continua imperterrito “ se mi facevi venire la licita contravo e li mandavo sotto non so di quanto” (di due nota del redattore). Mi alzo e me ne vado non so se più incavolato o felice.
Il giorno dopo vado a vedere la classifica  e mi trovo un modesto 52%. E nell'ultima mano? Zero assoluto perché il mio, addetto alla macchinetta. ha segnato 850 ma per i nostri avversari!!!

Alla prossima e.....buone vacanze a tutti.