Le opinioni espresse dai tesserati sono libere e non soggette a censura,
nel rispetto delle Norme dettate dallo Statuto che qualificano la FIGB
come apartitica, apolitica e aconfessionale.
Il Comitato Regionale non si assume qualsivoglia responsabilità per quanto espresso dai tesserati,
limitandosi a mettere a disposizione lo spazio web e i mezzi tecnici di pubblicazione.

 

Coppa Italia Mista 2011

Ricevo per interposta persona quanto Allegato ((Nota: gli articoli su Coppa Italia Mista) in cui sono stato citato come vittima di una “ingiustizia” e siccome mi è stato riferito di miei presunti “risentimenti” che in realtà non sono MAI esistiti vorrei chiarire il mio stato d’animo sull’argomento.

Premetto che “l’ingiustizia tra virgolette” vera e propria l’ho subita alla Coppia Italia Open dello scorso anno dove, come squadra di diritto acquisito l’anno precedente, ho disputato un solo incontro contro la Corazzata Fornaciari a KO e senza ripescaggi… E questo grazie al “peso leggero” che da sempre ci contraddistingue… Capirai il divertimento… Il Campionato più breve della mia storia! Per scendere al tavolo tutti e 8 i componenti della squadra abbiamo giocato ben 14 board a testa di Venerdì sera a Bologna (!) con quattro giocatori che venivano appositamente da Rimini….

Passiamo oltre… Affrontiamo questa Fase Regionale della Coppa Italia Mista.

Ho sempre sostenuto, anche in contesti diversi dal Bridge, che le Regole non debbano essere necessariamente “giuste” ma solamente “uguali per tutti” (se anche “giuste” MOLTO MEGLIO ovviamente!) per cui non ho mai pensato di lamentarmi del turno extra giocato Venerdì in quanto frutto non di una manipolazione ma di una “Regola”

E siccome non sono abituato a “criticare a vuoto” fornisco anche un mio suggerimento. La mia proposta è molto semplice in realtà e ruota attorno a due punti:

1. Nel determinare i Pesi per la composizione del Tabellone non dovrebbero essere tenuti in considerazione i giocatori iscritti ma coloro che hanno giocato almeno un terzo dei board nella Prima Fase Locale del Campionato. Se poi nel frattempo una squadra si rinforza tanto meglio per lei…

2. Nel determinare la posizione delle Squadre nel Tabellone devono essere tenuti in debita considerazione i piazzamenti ottenuti nella Fase Locale dalle varie squadre.

Dal punto di vista pratico la MIA soluzione sarebbe:

Dividere le Squadre in Fasce:
Fascia A: Le squadre con diritti Acquisiti l’anno precedente;
Fascia B: Le squadre Vincenti i vari Gironi Locali
Fascia C: Le seconde classificate nei vari Gironi Locali
Ultima Fascia: Le squadre che passano al Turno attraverso ripescaggi e/o spareggi

All’interno di ogni Fascia le Squadre dovrebbero essere ordinate in base al “Peso” tramite il criterio suggerito al Punto 1, messe poi in fila in ordine di Fascia e da qui compilato il Tabellone.

La ciliegina sarebbe anche che due squadre provenienti dallo stesso Girone Locale NON si incontrassero immediatamente ma forse “esagero”…. Così facendo potrebbe sembrare una “cosa seria” mentre il Bridge dovrebbe restare sempre e solo un gioco!!

Vorrei quindi che fosse chiaro che non ce l’ho con nessuno di coloro che hanno “sfruttato il Regolamento” ma forse sarebbe meglio che tale Regolamento fosse costantemente “migliorato” alla luce dei fatti accaduti… che poi sono (a mio modesto parere) ben poca cosa rispetto a quanto visto al recente Campionato Regionale a Squadre Open…..

Ciao / Grazie

Treossi Paolo - TRL086
Presidente Associazione Bridge Forlì - F0102