Le opinioni espresse dai tesserati sono libere e non soggette a censura,
nel rispetto delle Norme dettate dallo Statuto che qualificano la FIGB
come apartitica, apolitica e aconfessionale.
Il Comitato Regionale non si assume qualsivoglia responsabilità per quanto espresso dai tesserati,
limitandosi a mettere a disposizione lo spazio web e i mezzi tecnici di pubblicazione.

 

Chi l’ha visto?

di Angelo Saccaro
(quarta puntata del tormentone iniziato con “brutti,sporchi e cattivi”, proseguito con “a proposito di ospitalità e con “a proposito di incontri a k.o. avente come scenario l’attività agonistica vista da un “vecchio” bridgista agonista) .

Spettabile redazione della trasmissione RAI “Chi l’ha visto”,
vorrei segnalare la scomparsa avvenuta sabato 14 maggio u.s. di due giocatori provetti di bridge. Razza bianca, uno di corporatura snella l’altro robusta, attesi nella competizione Coppa Italia mista, programmata a Rastignano con l’intento di selezionare fra le 20 squadre superstiti dal primo turno, le tre destinate a contendersi il titolo nazionale. Gam….. notaio in Modena quindi come pubblico ufficiale facilmente reperibile e Mor…. sono stati annunciati come rinforzi rispettivamente della squadra Baschieri (che poi avrebbe conquistata la finale assieme alla squadra Lolli) e Leonelli. La loro cooptazione aveva permesso alle due squadre di ottenere una diversa e più alettanteposizione di partenza nel tabellone (come descritto nel mio “a proposito di incontri a k.o.). Il mancato arrivo e conseguente utilizzo dei due ha provocato perturbazioni e reazioni francamente lontani dallo spirito che dovrebbe animare gli sportivi. Ma i bridgisti sono sportivi? Dovrebbero anche perché la FIGB, la federazione italiana ed il Coni definiscono l’attività bridgistica come “sport della mente”. Cosa abbiamo noi bridgisti in comune con lo sport ? Temo poco o niente.

Spettabile redazione assicurateci che farete di tutto per rintracciare i due ma quando li avrete trovati dite loro che possono tranquillamente rimanere a casa loro come hanno fatto sino ad ora in quanto la loro presenza è ed è sempre stata superflua. Hanno compiuto la missione loro richiesta consentendo (si spera che abbiano consentito!) di aggiungere il loro nome (ed il loro “peso” bridgistico) nelle due squadre che li hanno così “utilizzati”.

Con l’occasione vorrei e con me molti altri, che prendesse corpo un’iniziativa per modificare le norme federali relative a questo tipo di competizione che dovrebbero doverosamente essere rivisitate (vedi “a proposito di incontri a k.o)
Mi rendo conto che il problema che vi ho sottoposto è certamente molto meno “urgente” dei casi di cui vi occupate normalmente e quindi, ripensandoci, non mi offenderò se voi non darete seguito a questi lai mentre avrò ben diverso stato d’animo nei confronti di chi dovrebbe essere coinvolto nel problema. Chi? Potete dirmelo voi? Temo infatti di trovarmi di fronte al solito sport nazionale dello “scarica barile”.

Grazie dell’ospitalità e auguri di buon lavoro.

Angelo Saccaro